Il metodo di Alessandro

Inizia osservando l'espressione del cavallo che si muove in libertà nel recinto al fine di comprendere di cosa il cavallo avrà bisogno per capire che cosa ci si aspetta da lui.

Poi con il suo atteggiamento corporale e con la voce fa in modo di prendere e mantenere l'attenzione del cavallo (comunicazione e "lettura").

Quando il cavallo è attento, Alessandro lo aiuta a trovare da solo la soluzione tenendo conto delle possibilità del cavallo.
- Il cavallo cerca la soluzione
- Se sbaglia, non importa, si ricomincia, senza punizioni
- Quando trova la soluzione è immediatamente ricompensato
Il frustino o la frusta sono utilizzati solo come prolungamento del braccio. Sono strumenti che si utilizzano solo per dare indicazioni o aiuti.
Comincia lavorando il cavallo al suolo per poi aiutarlo a completare il lavoro in sella.

Alessandro propone un insegnamento nella calma e nella fiducia, in rapporto all'individualità, in funzione alle precedenti esperienze, al carattere, alla sensibilità oltre che alle attitudini mentali e fisiche del cavallo.
Alessandro ha notato che attraverso il gioco, che si può stabilire solo se c'è la fiducia, diventa facile insegnare al cavallo ciò che ci si aspetta da lui.

Introduzione
Biografia
Il metodo di Alessandro

Photos

Rassegna Stampa

Guestbook

Links

Home