Comunicazione e "lettura"

La comunicazione è lo scambio di informazioni tra due interlocutori.

Uno dei principali mezzi di comunicazione dei cavalli tra di loro è il "linguaggio dei segni". Movimenti della bocca, delle orecchie, degli occhi, posizione del collo, attitudini corporali ecc. ecc.

A contatto dell'uomo, il cavallo non ha altro linguaggio che il suo per esprimere naturalmente i suoi stati d'animo. Così, prima di volergli inculcare il nostro linguaggio, sta a noi fare la "lettura" del suo.

La "lettura" permette di essere all'ascolto del cavallo. E' rivelatrice delle sue predisposizioni e permette così al cavaliere di fare gli esercizi in maniera fruttuosa.

Inoltre permette, ad un occhio competente, di scoprire le inattitudini fisiche che disturbano il cavallo durante gli esercizi richiesti. Questi malesseri invisibili, dovuti ad inattitudini fisiche, sono spesso la causa dei comportamenti inspiegabili e falsamente interpretati come cattiva volontà.

RITORNO